Newsletter

* indicates required
Il venerabile W.

Film

News

NOLEGGIO DIGITALE

€ 4,99
Svuota
GUARDA IL TRAILER

Un documento doloroso e importante che ritrae una delle figure più sconvolgenti dell’ epoca contemporanea, Il monaco buddhista birmano Wirathu.

In Birmania, il “Venerabile Wirathu” è un monaco buddhista altamente rispettato e influente. Incontrarlo equivale a viaggiare nel cuore del razzismo quotidiano e osservare come l’islamofobia e l’incitamento all’odio portino alla violenza e alla distruzione. Eppure, questo è un Paese dove il 90% della popolazione ha adottato il Buddhismo come fede: una “religione” che fonda la propria essenza su un modo di vivere pacifico, tollerante e non violento.

Categoria:
Per tutti
Per tutti
"Questa dissezione è così precisa, così argomentata da assumere una portata universale." Le Monde
60° Cannes Film Festival: Fuori concorso
Film della Critica dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani, SNCCI

Dicono del film

"Ci ricorda che ogni dottrina religiosa, anche la più pacifista, se male interpretata può essere utilizzata a fini distruttivi." Hollywood Reporter

"L’ autore segue un filo rosso che sanguina da solo, non punta il dito e indugia in modo sconcertante sulla parte umana dei mostri

il brivido della rivolta è solo più forte." Libération

"Barbet Schroeder, sia nei film di finzione, sia nei documentari, è sempre riuscito a mettere in luce i lati oscuri del comportamento umano. La violenza che Wirathu emana è terrificante." The New York Times

"Un film cupo, pessimista ma necessario." The Guardian

Specifiche tecniche

Durata Video
100'
Codice CG
PDW22430
Il Venerabile W. è stato designato Film della Critica dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani – SNCCI con la seguente motivazione: "Con uno sguardo che si tiene laterale per mettere ancora più in mostra la stortura del pensiero del suo protagonista, il monaco birmano islamofobico Ashin Wirathu, Barbet Schroeder firma una regia attonita eppur rigorosa, in un’ opera che ragiona sulla politica religiosa, sul pensiero che si auto definisce "superiore" e sul primato della materia belluina rispetto all’ evaporazione della "fede".

Reset della tua Password

Registrati